La canzone scritta da Friedrich Hollaender, autore delle musiche per L’angelo azzurro, nasce per un film di Robert Siodmak del 1932. Ma è la voce di Marlene Dietrich a farne una delle canzoni più emblematiche della libertà femminile che si associa alla Repubblica di Weimar.